Campicalcio

soluzioni in movimento

tecnica

posa in opera

Dopo aver realizzato i necessari lavori per la posa delle opere di drenaggio ed aver posato i vari strati del sottofondo secondo le opportune pendenze, viene posato il pacchetto in erba sintetica sull'ultimo degli strati del sottofondo. La planarità dello strato superiore del sottofondo e, comunque, della superficie di appoggio del manto non può presentare difformità superiori ad un certo valore per garantire le prestazioni drenanti richieste.

  1. Dopo aver realizzato il picchettamento specifico del terreno di giuoco (misurazione delle linee di marcatura, posizione delle porte e delle bandierine di corner), si procede alla stesura dei rotoli del manto in erba artificiale, che commercialmente vengono tessuti con una larghezza di ca. 4,10 mt. per favorire la minor quantità di giunzioni sulla superficie del campo.
  2. A stesura completa, si procede all'incollaggio delle giunzioni mediante l'impiego di un nastro plastico, sul quale si incollano, con collanti poliuretanici bicomponenti, le cimosse dei rotoli.
  3. Dopo aver eseguito l'incollaggio delle cimose e la loro completa essiccazione, si procede alla realizzazione della tracciatura delle linee, che viene effettuata inserendo sul manto erboso artificiale i rotoli delle linee di colore bianco aventi le stesse caratteristiche del manto erboso. Per le giunzioni si procede con lo stesso sistema usato per la giunzione delle cimose dei rotoli.
  4. Si procede quindi alla prima fase dell'intasamento, introducendo la sabbia silicea con idonea attrezzatura in grado di applicare l'esatta quantità di sabbia per metro quadrato di manto erboso artificiale. La quantità di sabbia silicea introdotta impedisce al manto di muoversi, mantenendo la rigatura perfettamente diritta e contribuisce all'ottenimento dei requisiti dell'assorbimento dello shock. L'operazione deve avvenire con sabbia e manto erboso perfettamente asciutti. Successivamente si procede alla spazzolatura di tutta la superficie, affinché la sabbia sia distribuita omogeneamente e si possa iniziare l'introduzione dei granuli in gomma.
  5. Una volta effettuata la spazzolatura preventiva, si introduce, mediante apposito macchinario, il granulo di gomma da intaso nella quantità adeguata, affinché la risposta di elasticità e flessibilità del sistema sia ottimale. Al termine dell'intasamento si procede alla spazzolatura di tutta la superficie, ultimando così l'installazione del manto in erba artificiale. Anche questa operazione va fatta in ambiente e con prodotto perfettamente asciutti. La quantità di granulo in gomma inserito in questa fase di intaso rappresenta circa i 2/3 della quantità totale necessaria, per permettere l'assestamento e quindi la comparsa di eventali spazi vuoti o incompleti che saranno poi intasati e regolarizzati con il restante 1/3 de granulo.